Informativa
Gentile Utente, questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Avvisi

Prev Next

n.03/aa 17-18: INSEGNAMENTI MUTUATI DALL'UNIVERSIT... Read more

Archivio incontri e seminari

Seminari archivio

guerri

Incontro con Maurizio Guerri 

 sul tema 
Lo sguardo in guerra e al lavoro: la fotografia in Ernst Jünger 

presso Accademia Carrara di Belle Arti, piazza G. Carrara 82/d – Bergamo
martedì 9 dicembre 2014, ore 17.30 

L’incontro rientra nel progetto regionale Giovani 14, condotto dalla Fondazione Bergamo nella Storia onlus- Museo Storico di Bergamo, nato per promuovere tra i giovani una riflessione sui conflitti del mondo contemporaneo, partendo dal centenario della prima guerra mondiale. Narrazioni teatrali, installazioni artistiche, incontri laboratoriali, mostre fotografiche sono le azioni in programma per i prossimi mesi all’interno di un percorso formativo e di scambio generazionale che vede protagonisti i giovani, la loro creatività e le loro domande.  

Lo sguardo in guerra e al lavoro: la fotografia in Ernst Jünger

Lo scrittore e filosofo tedesco Ernst Jünger (1895-1998) ha prodotto un’originale quanto inedita riflessione sulla fotografia, curando tra il 1930 e il 1933 cinque “sillabari” fotografici e scrivendo due saggi per le raccolte fotografiche di Albert Renger-Patzsch. Lo sguardo fotografico, caratteristico dell’umanità contemporanea, entra in una profonda relazione con il sistema planetario del lavoro e con l’organizzazione mondiale della guerra, due eventi che hanno segnato radicalmente la storia del Novecento. Nella misura in cui la fotografia ha trasformato la percezione e la sensibilità dell’uomo, così come la nostra capacità di dare forma e senso alle cose, la riflessione di Jünger interroga lucidamente e profeticamente anche il nostro tempo.

roberto-merliniIncontro con Roberto Merlini
 
Nouvelle Web 

Lunedì 19 gennaio 2015, ore 9.45 
Accademia Carrara di Belle Arti

Corso di Regia, docente Francesco Fei
Corso di Informatica Generale, docente Agustin Sanchez

Nouvelle Web
Il web è oggi il più grande “palcoscenico” a disposizione della gente.

Sul quel palco virtuale si esibiscono artisti di ogni natura e livello.
Le arti visive cercano da sempre “nuovo mondi” e nuovi modi.

La comunicazione pubblicitaria ha sempre usufruito di ogni genere di linguaggio in uso.
Il “principe dei linguaggi” sul web (e non solo) è il video.

Nouvelle Web si propone come innovazione linguistica e stilistica ad uso di marche e prodotti vogliano comunicare se stessi sul web con video di natura differente.

Cos’è Nouvelle Web?
Su che istanze nasce?
Che rapporto ha con il cinema?
Che traguardo si prefigge e attraverso quali argomenti?

CC AfterEffects 1600x900Seminario After Effects 
tenuto da Cristina Seresini - Animation director 

Il seminario ha lo scopo di offrire una formazione di base per l'utilizzo del software di motion graphic e di editing video After Effects

Date: giovedì 22 e martedì 27 gennaio 2015
Orario: 9.30 – 17.20 (c/o aula multimediale)
Ammissione: il seminario è rivolto agli studenti del II e III anno di Nuove tecnologie e a tutti gli studenti iscritti a Regia e a Video II. 
Il seminario è propedeutico a Regia.
Frequenza: obbligatoria
Cfa: 0,50

Iscrizioni: in Segreteria entro le ore 13.00 di venerdì 16 gennaio 2015 
www.cristinaseresini.com

premiere-pro-logoSeminario di Adobe Premiere Pro

tenuto da Francesco Dario Signorelli - Video editor e motion graphic designer

nell’ambito del corso di Linguaggi e tecniche dell’audiovisivo 1 Prof. Sara Rossi

Mercoledì 19 novembre, 26 novembre e 10 dicembre  ore 9:30 - 12:50

Programma delle due lezioni:

- Configurazione, apertura di un progetto e salvataggio dei media file
- Acquisizione e conversione per l’editing e importazione dei diversi formati HD e fotocamere reflex
- Acquisizione DV-PAL, HDV
- Panoramica dell’interfaccia di Adobe Premiere Pro e area strumenti editing
- Impostazioni delle preferenze e ottimizzazione della work area
- Panoramica generale sull'impostazione e settaggio della tastiera
- Utilizzo dei marcatori e dei comandi inserisci e sovrascrivi (utili per la selezione del materiale da editare)
- Editing su timeline (con uso del Trim-mode)
- Creare titoli e animarli con i keyframes
- Color correction di base ( con altre estensioni avanzate per la color correction ad esempio Magic Bullet)
- Esportazione e ottimizzazione del video (EDL per l’editing con altri software)
- Alcune soluzioni di compressioni video per dispositivi digitali (come mobile e tablet) e piattaforme video online (youtube, vimeo)

Obbligatorio per gli studenti del corso di Linguaggi e tecniche dell’audiovisivo 1. Aperto ad altri studenti se dotati di PC e programma (fino a un massimo di 15).

tedx ani fineBarbara Ventura e Vittorio Paris
Co-founder Fablab Bergamo

WHAT A FAB(ULOUS) LAB! 

Giovedì 13 novembre 2014
 
Accademia Carrara di Belle Arti, Bergamo
 
Ore 10.30  (l'incontro è aperto a tutti)

Corso di Pittura prof. Eva Marisaldi e Liliana Moro, Informatca Generale prof. Agustin Sanchez

Il termine Fablab è diventato ricorrente negli ultimi mesi anche nel nostro paese, ogni qualvolta si è parlato di innovazione, sviluppo di nuovi modelli di mercato e strategie di resistenza alla crisi; ma l’idea di cosa sia un Fablab e di che cosa si faccia realmente al suo interno e soprattutto del perché dovremmo ritenere un’opportunità la diffusione di questo modello, resta ancora piuttosto nebulosa.

Fablab sta letteralmente per fab(brication) lab(oratory). I fablab nascono nelle università o negli hub industriali, ma più tipicamente si autoproducono in ambiti urbani e si diffondono in maniera virale. Spesso a partire da un pugno di amici che si ritrovano in garage.
Tendenzialmente sviluppare modelli virtuali e stampe in 3d nonché possedere una buona competenza nell’uso di un piccolo e rivoluzionario processore meglio noto come Arduino, sono considerati un requisito base. Ma non è assolutamente esaustivo pensare che in un fablab si realizzino stampe 3d o si giochi con Arduino.

Potremmo molto sinteticamente dire che al suo interno si sviluppano progetti e prototipi di oggetti, sistemi, installazioni artistiche e piccole produzioni. Si attivano continuamente modi diversi di farlo, coinvolgendo saperi ibridi e condividendo globalmente risultati, informazioni e competenze acquisite.
Un fablab si nutre di contaminazioni e costruisce ponti tra design, artigianato, arte, elettronica, ingegneria,...


L’associazione “Fablab” persegue fini di promozione del Fabbricazione Digitale e del Design condiviso, dell’Hardware e del Software Libero, dello Sviluppo Sostenibile, a vantaggio degli associati e di terzi.
E' autonoma, pluralista, aconfessionale, apartitica, a carattere democratico.

www.fablabbergamo.it | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

4110-cop-Youngblood

Incontro con Simonetta Fadda 

Introduzione a Expanded Cinema, di Gene Youngblood (1970) 

CLUEB edizioni 2013 

 

Nell’ambito di Progettazione multimediale 

Venerdì 14 novembre 2014 

Ore 9.30 – 12.30 

 

In Expanded Cinema, il testo profetico scritto da Gene Youngblood nel 1970 sulle sperimentazioni audiovisive degli artisti statunitensi tra gli anni Quaranta e gli anni Settanta del Novecento sono ricostruiti episodi, opere, tecniche e atmosfere di operazioni multimediali assolutamente futuribili per l’epoca, che fungono da base per una esplorazione a 360° dell’influenza delle tecnologie sulla dimensione materiale della società, sulla conoscenza, sul corpo. In questo modo, Youngblood riesce a prefigurare gli scenari mediali che oggi fanno parte della quotidianità, offrendo spunti e strumenti per affrontare le trasformazioni della contemporaneità.

Nel corso dell’incontro, saranno presentati i concetti e gli eventi principali che hanno permesso la nascita e lo sviluppo dell’idea di expanded cinema, con la visione di opere di Aldo Tambellini, Frank Gilette, Ira Schneider, Allan Kaprow, Andy Wahrol.

impaginato-seminario-001-Pagina053

Cesi est Silicium 


Elaborazione dei materiali, cartacei e digitali, raccolti durante il seminario di Mauro Ceolin presso l'Accademia Carrara di Belle Arti di Bergamo il 9 maggio 2014 e parzialmente pubblicati sul layer digitale della giornata presente sulla pagina Facebook Seminario Ceolin 2014.
Il seminario tenuto da Mauro Ceolin si inserisce nel raggio di contemporaryNaturalism, ricerca attiva dal 2006 che si propone di attestare l'esistenza di una "biologia dell'immaginario collettivo". Nel caso del lavoro svolto con gli studenti di Bergamo la riflessione si è concentrata sulla mediazione operata dalle tecnologie nel rapporto con la realtà.

Come spiega l’artista: «il libro contiene e rielabora una selezione di materiali prodotti durante il seminario, dove, con gli studenti, abbiamo esplorato aree relative all'esperienza che soggettivamente percepiamo nel nostro rapporto con l'uso dei nuovi strumenti elettronici. Come tool dialettico, oltre alla parola, abbiamo lavorato utilizzando una pagina di Facebook creata appositamente. Inoltre i topic che incontravamo e che ritenevamo importanti si cristallizzavano attraverso fili, note su carta, palloncini colorati sui quali venivano trascritte idee e concetti, in una struttura comune, site specific, in grado di materializzare il pensiero collettivo. Il ruolo di chi presiedeva il seminario non si limitava ad un'azione ‘uno a molti’ ma stimolava una comunicazione ‘molti a uno’ in una fase preliminare e successivamente nello step dialettico del ‘tutti a tutti’».

 

http://issuu.com/rgbprojectstudio/docs/impaginato_seminario_001

laboratorio-cinemaSeminario Linguaggio e tecnica cinematografica  

tenuto da Francesco Fei 
date: 27 ottobre – 3 e 10 novembre 2014 - orario: 9,30 – 12,50 
CFA 0,50 

Il seminario è obbligatorio per chi frequenta il corso di Regia. 
Non può iscriversi chi ha già frequentato il seminario negli anni passati.
Iscrizioni in Segreteria.

Download programma

Incontro con Marco Belpoliti

Giovedì 22 maggio 2014 ore 10.00

incontro aperto a tutti.

Nell'ambito dei corsi di Pittura 2 prof. Liliana Moro e Pittura 3 prof. Eva Marisaldi

 

Presenta L'età dellestremismo di recente pubblicazione

doppiozeroIncontro con Marco Liberatore, doppiozero



Mercoledì 21 Maggio 2014

Accademia Carrara di Bergamo

Ore 11.30 – 13.00



Corso di Sistemi Editoriali per l’Arte, docente Marco Mancuso



Il ciclo di talk e laboratori nell'ambito del corso di “Sistemi Editoriali per l'Arte”, condotto da Marco Mancuso, si conclude anche per quest’anno accademico con l’ultimo attesissimo appuntamento. Mercoledì 21 Maggio 2014, dalle 11.30 alle 13.00, è in programma l’ incontro con Marco Liberatore, responsabile della comunicazione ed editor del progetto doppiozero (http://www.doppiozero.com/)

darsIncontro con D’ars Magazine

 

Mercoledì 14 Maggio 2014

Accademia Carrara di Bergamo

Ore 11.30 – 13.00



Corso di Sistemi Editoriali per l’Arte, docente Marco Mancuso

Il ciclo di talk e laboratori nell'ambito del corso di “Sistemi Editoriali per l'Arte”, condotto da Marco Mancuso, giunge al suo sesto appuntamento. Mercoledì 14 Maggio 2014, dalle 11.30 alle 13.00, è in programma l’ incontro con Cristina Trivellin (Direttrice Responsabile) e Martina Coletti (Caporeddatrice) di D'Ars Magazine (http://www.darsmagazine.it/)
E’ anche questa un’occasione imperdibile, aperta a tutti gli studenti di tutte le scuole e gli anni dell’Accademia Carrara di Bergamo, per entrare in contatto e conoscere uno delle realtà dell’editoria indipendente e multimediale, nell’ambito dell’arte contemporanea, più interessanti del panorama nazionale.

D’Ars Magazine è l’anima web della storica rivista D’ARS, un portale in grado di estendere lo sguardo sulla cultura contemporanea con l’attenzione che da sempre contraddistingue il primo magazine d’arte italiano. D’ARS propone uno sguardo a 360 gradi sul mondo della cultura contemporanea nazionale e internazionale.

selfportrait baraldoIncontro con Paolo Baraldi 

Venerdì 16 Maggio
Dalle 14.00 alle 16.00

Corso di Anatomia Artistica Prof. Giovanni De Lazzari

Paolo Baraldi attraverso i propri lavori cercherà di raccontare un approccio alle arti visive che
rivendica il lato pubblico dell'arte, il lato politico dell'arte e la sua necessaria dimensione di relazione
e cooperazione; una dimensione espressiva periferica nello spazio così come nei materiali, nei temi,
nelle rivendicazioni, negli oggetti e nei rapporti.

Paolo Baraldi (a.k.a. il baro) nasce nel 1977 a Bergamo, dove tutt’ora vive e lavora.
Attivo su più fronti nel panorama culturale bergamasco, inizia il suo percorso artistico con i Graffiti, nella prima metà degli anni novanta per poi dedicarsi all'Arte Pubblica; nel 2003 si laurea in Scienze dell'Educazione, lavora dal 2004 come educatore professionale con progetti innovativi dedicati alla popolazione giovanile; nel 2012 consegue il Diploma in “Teorie e pratiche dei linguaggi artistici contemporanei” presso l’Accademia di Belle Arti G. Carrara di Bergamo.

Book design 6Incontro con Andrea Scarabelli 

Mercoledì 7 Maggio 2014 
Accademia Carrara di Bergamo 
Ore 11.30 – 13.00 

Corso di Sistemi Editoriali per l’Arte, docente Marco Mancuso 

Il ciclo di talk e laboratori nell'ambito del corso di “Sistemi Editoriali per l'Arte”, condotto da Marco Mancuso, giunge al suo quinto appuntamento. Mercoledì 7 Maggio 2014, dalle 11.30 alle 13.00, è in programma l’ incontro con Andrea Scarabelli (http://andreascarabelli.com/)

E’ anche questa un’occasione imperdibile, aperta a tutti gli studenti di tutte le scuole e gli anni dell’Accademia Carrara di Bergamo, per entrare in contatto e conoscere uno degli autori più interessanti ed eclettici dell’editoria d’arte indipendente Italiana. Andrea Scarabelli da anni si occupa di editoria in tutte le sue forme, cartacea e multimediale, promuove festival e reading, agita l’ambiente editoriale, lavora come autore dei suoi testi e e recentemente si è occupato di autoproduzione e collaborazioni con illustratori e artisti. Secondo Andra: “pubblicare vuol dire prendersi una responsabilità in un'Italia che esce con 700 libri al giorno. Dire "io pubblico" vuol dire dichiarare di avere qualcosa da dare, per questo un libro deve essere, letteralmente, esatto”.

Booktrailer: https://www.youtube.com/watch?v=7aVJqoVEh9A

Andrea Scarabelli vive e lavora a Milano. Ha pubblicato il romanzo La velocità di lotta, la docufiction Beautiful e curato l'antologia Suonare il paese prima che cada. Suoi lavori sono stati pubblicati su "La lettura - Corriere della sera", "il manifesto", "Pulp libri", "Rolling Stone", "GQ", Carmilla e su diverse antologie. Collabora con Agenzia X edizioni, con cui organizza il festival Slam X di cui è condirettore artistico, e con diversi editori come traduttore e consulente editoriale. Con Federico Barbon ha fondato Yes I Am Writing A Book, micro casa editrice d'arte e grafica. Ha collaborato con musicisti, illustratori, attori e performer.

 

CanedIcodaImageIncontro con Canedicoda 
 
Corso di Linguaggi e tecniche dell’audiovisivo 1 e 2 
Prof. Sara Rossi 
 
Mercoledì 7 maggio 2014 
h 9:30/12:50 - 14:00/16:30 
 
Programma della lezione/laboratorio: 
- feedback e mixer a circuito chiuso 
- esperienze di registrazione e presentazione di Endless loops from Morocco Musica per un giorno registrata in un mese.
- curiosità dal mondo di youtube / breve presentazione de Processo al Mochi / The size of a green pea. 
 
 
Canedicoda è artista audio e visivo. Il suo lavoro si estende tra grafica, musica, moda e design con un focus particolare su una personale idea di manualità, prendendo forma in disegni, stampe serigrafiche, abiti e oggetti, progetti legati alla musica, realizzazioni di ambienti privati, commerciali o pubblici e curatela di eventi musicali. Dal 2004 circa Canedicoda ha sviluppato un universo autoriale ricco, cangiante ma sempre immediatamente riconoscibile collaborando con Marsèll, Replay, Adidas, Carhartt, ViaFarini, Netmage e Live Arts Week, Istituto Svizzero e svariate situazioni dai toni più o meno istituzionali. Attualmente suona in solo come Ottaven, in duo con Maurizio Abate e con la obs band Primorjie. Cura anche delle serate di ascolti musicali con il nome di Piattaforma Fantastica e un cinema itinerante che si chiama Minema.
 

Link EditionsIncontro con Domenico Quaranta

Link Art Center for Information Age / LINK Editions

 

Mercoledì 30 Aprile 2014

Accademia Carrara di Bergamo

Ore 11.30 – 13.00



Corso di Sistemi Editoriali per l’Arte, docente Marco Mancuso


Il ciclo di talk e laboratori nell'ambito del corso di “Sistemi Editoriali per l'Arte”, condotto da Marco Mancuso, giunge al suo quarto attesissimo appuntamento. Mercoledì 30 Aprile 2014, dalle 11.30 alle 13.00, è in programma l’ incontro con Domenico Quaranta, critico, curatore e direttore del Link Art Center for the Information Age e di LINK Editions (http://www.linkartcenter.eu)

E’ anche questa un’occasione imperdibile, aperta a tutti gli studenti di tutte le scuole e gli anni dell’Accademia Carrara di Bergamo, per entrare in contatto e conoscere una delle realtà più interessanti dell’editoria d’arte indipendente Italiana. LINK Editions è la sezione publishing del Link Center for the Arts of the Information Age, un centro multifunzionale che promuove la ricerca artistica con le nuove tecnologie e la riflessione critica sui temi dell’età dell’informazione, attraverso l’organizzazione di workshop, seminari, conferenze e mostre, l’attivazione di partnership con realtà private e istituzionali, e un intenso lavoro di networking con analoghe realtà internazionali.

Diretto da Domenico Quaranta, LINK Editions si serve del print on demand per dare vita a un’agile e dinamica collana di saggi, pamphlet ma anche tutorial, dispense e atti di convegni collegati alla propria attività educativa. Convinto sostenitore dell’idea che l’informazione vuole essere libera, LINK Editions rilascia i propri contenuti gratuitamente in formato digitale, e a costi accessibili a chiunque in formato cartaceo. http://linkeditions.tumblr.com/

Domenico Quaranta è critico e curatore d’arte contemporanea. Collabora regolarmente a Flash Art e occasionalmente a molte altre riviste italiane e internazionali. Ha pubblicato, tra l’altro: NET ART 1994-1998. La vicenda di Ada’web (Milano 2004) e, con Matteo Bittanti, GameScenes. Art in the Age of Videogames (Milano 2006). Ha curato e co-curato diverse mostre, tra cui Connessioni leggendarie. Net.art 1995 – 2005 (Milano 2005); Holy Fire. Art of the Digital Age (Bruxelles 2008) e Playlist. Playing Games, Music, Art (Gijon 2009; Bruxelles 2010). Insegna “Net Art” presso l’Accademia di Belle Arti di Brera.