Informativa
Gentile Utente, questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

19 items tagged "fotografia"

Risultati 1 - 19 di 19

incontro con Francesco Zanot

Category: Seminari
Creato il Giovedì, 09 Marzo 2017 14:18

F Zanotincontro con Francesco Zanot 

Martedì 4 Aprile 2017 ore 14.00 
Nell'ambito dei corsi di Fotografia prof. Luca Andreoni e Roberto Marossi 
Incontro aperto a tutti

Tutt’altro che stabile e permanente, la fotografia muta di continuo. Cambia la sua grammatica, mutano forme e contenuti, si modifica progressivamente il mezzo stesso. Dispositivo che trattiene per sempre il presente, immortalandone una porzione, la fotografia si rinnova costantemente inseguendo il futuro. In questo incontro, a partire dalle tipicità di questo linguaggio, si approfondiranno le ultime traiettorie della fotografia, sia dal punto di vista teorico, sia osservando i lavori di autori contemporanei.

Curatore di CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia, Torino, Francesco Zanot ha lavorato a mostre e pubblicazioni con alcuni dei maggiori fotografi italiani e internazionali. Ha curato libri monografici di artisti come Mark Cohen, Guido Guidi, Olivo Barbieri, Takashi Homma, Linda Fregni Nagler, Boris Mikhailov, Luca Andreoni, Francesco Jodice e molti altri ancora. Tra le sue ultime pubblicazioni figurano antologie sul lavoro di Luigi Ghirri (The Complete Essays, Mack, Londra), Alec Soth (Ping Pong Conversations, Contrasto, Roma) ed Erik Kessels (The Many Lives of Erik Kessels, Aperture, New York). 

Course Leader del Master in Photography and Visual Design di NABA, ha inoltre partecipato come relatore a conferenze e seminari sulla teoria e la storia della fotografia presso numerose istituzioni accademiche, fra cui la Columbia University di New York, l'ECAL di Losanna e lo IUAV di Venezia. 

È associate editor di Fantom, piattaforma curatoriale con sede a Milano, e curatore dell'esposizione Give Me Yesterday, con cui Fondazione Prada ha inaugurato nel 2016 a Milano lo spazio Osservatorio dedicato alla fotografia.

Incontro su Arte, Museo, Città

Category: Eventi e progetti
Creato il Lunedì, 06 Marzo 2017 23:03
paola di bello immagineIl Museo del Novecento presenta 
nell’ambito della mostra Paola Di Bello. Milano Centro 

Giovedì 9 marzo 2017, ore 18.00, Sala Fontana 

Incontro su Arte, Museo, Città 

Partecipano: Marco Biraghi, Alessandra Pioselli e Francesco Zanot 
con l’artista Paola Di Bello e la curatrice della mostra Gabi Scardi.
 
L’incontro è dedicato ai temi della mostra, in particolare al modo in cui l’arte si può misurare con lo spazio urbano e al rapporto tra il museo e il contesto circostante. 
La ricerca artistica di Paola Di Bello, frutto di un’ibridazione tra la vocazione concettuale ereditata dalle generazioni precedenti e l’indagine sociale che vede l’uomo e il paesaggio al centro dei propri interessi, ben rappresenta una traiettoria intrapresa dalla fotografia europea negli ultimi trent’anni.
 

Mario Cresci

Category: Seminari
Creato il Lunedì, 14 Novembre 2016 23:34

TRUMP ARMIIncontro con Mario Cresci

 Progetto "TIME OUT"

Lunedì 21 Novembre 2016, ore 11.30 – 13.00 
Accademia di belle arti G. Carrara 

Nell'ambito del corso di Informatica Generale, docente Agustin Sanchez 

Incontro aperto a tutti gli studenti

Mario Cresci (Chiavari,1942)
È tra i primi autori della sua generazione ad applicare la cultura del progetto alla fotografia coniugandola alla sperimentazione del linguaggio visuale in ambito artistico.

Durante L’incontro, Cresci parlerà del suo percorso artistico e in particolare del progetto Time Out

"Time Out" intende fare leva sulla percezione che ognuno di noi può avere rispetto a tutte quelle situazioni in cui prevalga un senso di urgenza, diventi oggetto di denuncia e non possa aspettare più altro tempo. Time out!

Open Call "Time out" per Mario Cresci
In concomitanza alla preparazione della mostra alla GAMeC di Bergamo, per il prossimo febbraio 2017, dedicata al lavoro di Mario Cresci dagli anni sessanta ad oggi, si rilancia la call per il progetto "Time Out", aperta a tutti! e che ha l'intento di raccogliere le immagini da Instagram, con hashtag #timeoutxcresci, che rispondano al tema del progetto proposto.

mariocresci.it

Incontro con GIOVANNA SILVA, Humboldt Books

Category: Seminari archivio
Creato il Martedì, 26 Aprile 2016 20:03

AleppoIncontro con GIOVANNA SILVA, Humboldt Books 

Venerdì 6 Maggio 2016, dalle ore 14.00 
Accademia di Belle Arti G. Carrara

aperto a tutti gli studenti. 

Nell'ambito del corso di Teoria della percezione e psicologia della forma del prof. Claudio Musso

Giovanna Silva vive e lavora a Milano. Come fotografa ha esposto alla Biennale del 2006 con un lavoro sulla città di Bogotà, Colombia. La sua più recente pubblicazione è Desertions, cronaca del suo viaggio americano con il famoso designer Enzo Mari. Dal 2005 al 2007 ha collaborato con la rivista Domus, mentre dal settembre 2007 al settembre 2011 è stata photoeditor della rivista Abitare. Ha fotografato Renzo Piano e Zaha Hadid per i numeri speciali di Abitare Being Renzo Piano e Being Zaha Hadid, 6 mesi nel mestiere dell’architettura. Nell’ottobre 2011 ha pubblicato Orantes, Quodlibet, con una prefazione di Marco Belpoliti. Nel 2010 ha co-fondato la rivista di architettura San Rocco (www.sanrocco.info) con cui ha partecipato alla 13. Mostra Internazionale di Architettura (2012). Dal 2011 collabora con Doppiozero dove cura la rubrica “Tavoli, fotografie alle scrivanie degli intellettuali italiani”. Nel luglio 2012 ha pubblicato Narratives/Relazioni: Baghdad, Green Zone, Red Zone, Babylon, Mousse Publishing. Nel 2012 ha fondato la casa editrice Humboldt Books di cui è direttrice editoriale. Ha partecipato alla 14. Mostra Internazionale di Architettura (2014) con il progetto Nightswimming.
www.giovannasilva.com

Humboldt è una casa editrice specializzata in narrativa di viaggio che trae ispirazione dalle esplorazioni scientifiche del XVIII e XIX secolo. La casa editrice raccoglie esperienze multidisciplinari, unisce saperi e tecniche per raccontare viaggi e paesi con sguardo attento e non convenzionale.
www.humboldtbooks.com

Progetto INSTALABG

Category: Mostre archivio
Creato il Martedì, 09 Febbraio 2016 23:31
instalabgProgetto INSTALABG
 
Benvenuti a questo account collettivo, nato all'interno dell'insegnamento di Fotografia del I anno del Corso di Nuove Tecnologie per l'Arte dell'Accademia di Belle Arti G.Carrara. 
 
Il corso è tenuto da Luca Andreoni @lucandreoni con l'assistenza di Alessandro Calabrese @alsoclbe. 
Apporto teorico di Francesco Mattucci @iena70 e Domenico Quaranta @d0m3nic040.
 
Si tratta di un esperimento che si propone di utilizzare Instagram come contenitore social, per sottoporvi in tempo reale il work in progress dei lavori che gli studenti realizzeranno nel secondo semestre del corso. Agli studenti è stata assegnato una parola chiave, Bergamo, all'interno della quale avranno la massima libertà operativa. 

Seminario di storia della fotografia

Category: Seminari archivio
Creato il Mercoledì, 16 Dicembre 2015 12:21

Walker Evans Greek Temple Building 1935 36Seminario di storia della fotografia 

Nell’ambito degli insegnamenti di Fotografia di Luca Andreoni e Roberto Marossi
Martedì 12, 19 e 26 gennaio 2016

Francesco Frillici 

Appunti per una trilogia di movimenti nella fotografia contemporanea

Il seminario presenta tre cicli storici senza tuttavia individuare all'interno della loro scansione temporale netti punti di frattura o di discontinuità. Saranno estratti tre “movimenti” nel corso di una storia che va dalla fine del XIX secolo agli inizi del XXI, nel tentativo di pensare la contemporaneità come metaforica trilogia di viaggio, fatta, quindi, di “partenze”, di “transiti” e di “ritorni”, in un flusso di mobilità circolare, perenne e inarrestabile. 

Nella prima fase incontriamo un gruppo di autori, da Alfred Stieglitz a Carl Andre, che si allontanano dal passato, dalla loro origine culturale. Si distaccano dalla tradizione storica per spingere il presente a proiettarsi nel futuro, immaginando nuovi approdi, anche se spesso utopici e visionari. La seconda fase, invece, riguarda un altro gruppo di autori, da Walker Evans a Luigi Ghirri, da Marcel Duchamp a Nan Goldin, totalmente distesi nel loro mondo attuale. La loro tuttavia non è una rigida stasi, bensì una mobilità costante e irresistibile dentro a un ventaglio di possibilità e di attraversamenti che desiderano ricercare nuovi modi di percezione e comprensione del tempo vissuto. La terza fase presenta autori che in qualche modo arrivano ma soltanto per ripartire da capo: essi, in breve, tornano a ripetere, rivedere, ripensare la memoria e l'esperienza che i loro predecessori, antichi e moderni, hanno faticosamente accumulato, senza però concedersi il tempo necessario per riflettere.   

Incontro con Linda Fregni Nagler

Category: Seminari archivio
Creato il Domenica, 22 Novembre 2015 17:33

herculesflorenceIncontro con Linda Fregni Nagler 

Lunedì  23/11/2015
 
Accademia di belle arti G. Carrara
Ore 14.00 

Corso di Disegno, docente Francesco Pedrini 

L'artista 
Linda Fregni Nagler, parlerà del proprio lavoro e in particolare della ricerca sull'esploratore, inventore e pioniere della fotografia Hercule Florance.

Mulhouse 015

Category: Mostre archivio
Creato il Venerdì, 05 Giugno 2015 15:22

SPREAFICO Un punto muto A silent spot 4L’Accademia di belle arti G. Carrara partecipa a

Mulhouse 015 

XI edizione della Biennale de la jeune création contemporaine

con la mostra personale Un Punto Muto di Giulia Spreafico
Mulhouse, Francia, 13 – 16 giugno 2015

Giulia Spreafico, Un Punto Muto, 2014

Serie di sette stampe a getto d'inchiostro, dimensioni variabili

L’Antartide è un luogo silente e inospitale, che ancora oggi attrae l’uomo e al tempo stesso lo sfida, sfuggendo a ogni tentativo di controllo. Il vero intento che ha mosso i primi esploratori a inizio Novecento a spingersi oltre le coste del Polo Sud è stato di conquistare il centro del sud del mondo, un punto matematico risultato di calcoli e misurazioni, un punto bianco al centro di un'immensa distesa di bianco. La volontà di voler raggiungere un luogo mentale, prima ancora che fisico, è in sé un atto artistico. In questo lavoro le prime immagini scattate in Antartide diventano il luogo che ospita il mio segno: cucire è un modo di percorrere lo spazio, di creare collegamenti e legami nuovi.  

The Antarctic is a silent and inhospitable place, which attracts man and at the same time challenges him. The real reason that moves the first explorers to go beyond the coast of the South Pole, is the conquest of the centre of the world's South: a mathematic point which is the result of precise calculations and measurements. The will of reaching that place, which is more mental than physical, is itself an artistic action. The so-called South Geographic Pole is indeed a white place surrounded by kilometers of whiteness, which requires unimaginable efforts to be reached. Sewing on the first pictures taken in Antarctica is my own way to live those places and create new connections.

STEFANO PARIMBELLI

Category: Mostre archivio
Creato il Mercoledì, 20 Maggio 2015 21:37

parimbelliL'Associazione Diaforà in collaborazione con la Coop. sociale La Fenice onlus è lieta di invitarVi alla mostra di

STEFANO PARIMBELLI
Disegni, dipinti, fotografie

Inaugurazione sabato 23 maggio alle ore 18.00
Convento di Santa Maria della Ripa, via della Ripa – Albino (BG)
Apertura dal 23 maggio al 20 giugno giovedì e venerdì dalle 16.00 alle 18.30 sabato e domenica dalle 17.00 alle 19.00

"Tutto ruota attorno a poche parole: dispersione, annebbiamento, modularità, piattezza, sogno, ricordo. In questa mostra verranno esposte opere che non nascono da
una capacità puramente creativa ma dall'abilità di osservare.
Tutti i processi che vengono impegnati in un lavoro sono frutto di una deambulazione alla quale segue sempre una stasi ed è per questo motivo che il processo è più importante rispetto alla conclusione,
ammesso che un lavoro possa averne una.
I momenti di attesa, i giorni perduti, i silenzi, le persone andate e che vivono solo nei ricordi sono state le fonti
da cui ho attinto. Tutto sembra fermo, ma pian piano qualcosa si muove. Anche le stelle se viste da un altro emisfero possono cambiare."
Stefano Parimbelli

Si ringraziano Giovanni De Lazzari e Maria Grazia Recanati

Incontro con Malin Petterson Öberg

Category: Seminari archivio
Creato il Mercoledì, 06 Maggio 2015 20:06

Malin Pettersson Konsthall 2012 PhotographerIncontro con Malin Petterson Öberg


Martedì 12 maggio 2015
Accademia di belle arti G. Carrara


Corso di Fotografia, docente Linda Fregni

 

Download CV

Incontro con Simone Menegoi

Category: Seminari archivio
Creato il Mercoledì, 29 Aprile 2015 14:36

Simone menegoiIncontro con Simone Menegoi

Martedì 26 maggio 2015
Accademia di belle arti G. Carrara

Corso di Fotografia, docenti Linda Fregni e Luca Andreoni

Simone Menegoi (1970, vive a Milano) è critico e curatore d’arte contemporanea. È coordinatore di Per4m, la sezione di performance di Artissima, e scrive per artforum.com.
Dal 2012 al 2014, insieme a Cecilia Canziani, ha ideato e curato ZegnArt Public, un programma di commissioni di opere pubbliche in Paesi emergenti e residenze in Italia, sostenuto dal gruppo Ermenegildo Zegna. Nel 2013-14 è stato curatore del CSAV – Artists’ Research laboratory della Fondazione Ratti (Como).
Dal 2005 cura mostre in spazi privati e pubblici, in Italia e all’estero. Fra le mostre recenti: The Camera’s Blind Spot II. Sculpture / photography: further recent examples, Extra City, Anversa, 2015 (marzo); Le statue calde. Scultura - corpo - azione, 1945-2013, Museo Marino Marini, Firenze, 2014; Michael E. Smith, Triennale di Milano, 2014; The Camera’s Blind Spot. Scultura / fotografia: esempi recenti, MAN, Nuoro, 2013; LE SILENCE. Une fiction, Nouveau Musée National de Monaco, Principato di Monaco, 2012; Bouvard and Pécuchet’s Compendious Quest For Beauty, David Roberts Art Foundation, Londra (co-curata con Chris Sharp), 2012.
Ha scritto testi critici (su, fra gli altri, Becky Beasley, Ulla von Brandenburg, Hubert Duprat, Attila Csörgő, Mark Lewis, Roman Ondák, Caroline Achaintre) comparsi nelle pubblicazioni di varie istituzioni internazionali, fra cui Tel Aviv Art Museum, CIAP Île de Vassivière, Ludwig Museum (Budapest), New Museum (New York), Fondazione Galleria Civica di Trento in collaborazione con Salzburger Kunstverein e Villa Arson (Nizza), Ludwig Forum für Internationale Kunst (Aachen), Camden Arts Centre (Londra), Fondazione Prada (Milano e Venezia).

Incontro con Valerio Rocco Orlando

Category: Seminari archivio
Creato il Lunedì, 30 Marzo 2015 17:22

Valerio Rocco Orlando What Education for Mars 2015Incontro con Valerio Rocco Orlando 

Nell’ambito del corso di Storia dell’arte contemporanea II 

Prof.ssa Alessandra Pioselli 

Mercoledì 1 aprile 2015 – ore 9.30-12.00

Valerio Rocco Orlando (Milano, 1978), dopo una laurea in drammaturgia all’Università Cattolica di Milano e un master in Regia alla Queen Mary University di Londra, compone articolate installazioni, film e fotografie che, in bilico tra dialogo corale e ritratto intimista, mettono in scena la relazione tra individuo e comunità, allo scopo di ripensare e riattivare il senso di appartenenza nella società contemporanea. 

Tra le mostre personali: What Education for Mars?, Museo MarinoMarini, Firenze, 2015; The Sphere of the Between, Korea Foundation, Seoul, 2015; The Reverse Grand Tour, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma, 2013; ¿Qué Educación paraMarte?, Villa e Collezione Panza, Varese, 2013; Quale Educazione per Marte?, Nomas Foundation, Roma, 2011; Lover’s Discourse, Careof DOCVA, Milano, 2011; Lover’s Discourse, Momenta Art, New York, 2010; Niendorf (The Damaged Piano), Galleria Maze, Torino, 2008; The Sentimental Glance, Galleria Maze, Torino, 2007. Tra le mostre collettive: Glitch. Interferenze tra arte e cinema, PAC Padiglione d'Arte Contemporanea, Milano, 2014; We Have Never Been Modern, SongEun ArtSpace, Seoul, 2014; The 338 Hour Cineclub, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino, 2013; XI Bienal de La Habana, Centro de Arte Contemporáneo Wifredo Lam, L’Avana, 2012; Neon. La materia luminosa dell’arte, MACRO Museo d’Arte Contemporanea, Roma, 2012; Re-generation, MACRO Museo d’Arte Contemporanea, Roma, 2012; Estate, Marianne Boesky Gallery, NewYork, 2012; Nurture Art, Chelsea Art Museum, New York, 2011; videoREPORT ITALIA: 08_09, GC. AC, Monfalcone, 2010; Emerging Talents - New Italian Art, CCCS, Palazzo Strozzi, Firenze, 2009. Nel 2009 Valerio Rocco Orlando ha vinto il premio ISCP New York promosso da Parc/Seat/Gai, nel 2011 una Civitella Ranieri Foundation Fellowship nella sezione Arti Visive e nel 2014 una International Artist Fellowship al MMCA National Museum of Modern and Contemporary Art Korea.

www.valerioroccoorlando.com

 

Camera con vista - Incontri di fotografia

Category: Seminari archivio
Creato il Domenica, 15 Marzo 2015 17:11
camera con vistaGAMeC e Accademia di belle arti G. Carrara
presentano il ciclo di conferenze aperto agli studenti
 
Camera con vista. Incontri di fotografia 
 
Progettato da Servizi Educativi - GAMeC 
in collaborazione con Luca Andreoni, docente di Fotografia dell'Accademia
 
Calendario degli incontri:
 
9 aprile: Elio Grazioli, Fotografi o artisti che usano la fotografia?
http://www.lucandreoni.com/blog/elio-grazioli-fotografi-o-artisti-che-usano-la-fotografia/

16 aprile: Francesco Zanot, Magma-fotografia
23 aprile: Francesco Jodice, La pratica dell'arte come poetica civile
 
30 aprile: Luca Panaro, La fotografia tra ostracismo e verità
 
7 maggio: Vittore Fossati, Il lago e il pagliaio
http://www.lucandreoni.com/blog/vittore-fossati-lotto-rovesciato/
 
21 maggio: Mario Cresci e Giacinto di Pietrantonio, Tra artisti e fotografi senza dogmi e giustificazioni esterne
  
Gli incontri si tengono tutti i giovedì dalle ore 20.30 alle 22.00 presso
GAMeC, via San Tomaso, 53, Bergamo
 
Per gli studenti dell'Accademia sono riservati 25 posti.
Modalità di iscrizione: presso la Segreteria della scuola, fino a esaurimento posti.
Cfa: 0,50 (per chi segue l'intero ciclo, in base alla firma della presenza)
 

Francesco Frillici

Category: Seminari archivio
Creato il Domenica, 01 Marzo 2015 21:20

Walker Evans Greek Temple Building 1935 36Seminario di storia della fotografia 

Nell’ambito degli insegnamenti di Fotografia di Luca Andreoni e Linda Fregni Nagler
Martedì 17, 24 e 31 marzo 2015  

Francesco Frillici 

Appunti per una trilogia di movimenti nella fotografia contemporanea

Il seminario presenta tre cicli storici senza tuttavia individuare all'interno della loro scansione temporale netti punti di frattura o di discontinuità. Saranno estratti tre “movimenti” nel corso di una storia che va dalla fine del XIX secolo agli inizi del XXI, nel tentativo di pensare la contemporaneità come metaforica trilogia di viaggio, fatta, quindi, di “partenze”, di “transiti” e di “ritorni”, in un flusso di mobilità circolare, perenne e inarrestabile. 

Nella prima fase incontriamo un gruppo di autori, da Alfred Stieglitz a Carl Andre, che si allontanano dal passato, dalla loro origine culturale. Si distaccano dalla tradizione storica per spingere il presente a proiettarsi nel futuro, immaginando nuovi approdi, anche se spesso utopici e visionari. La seconda fase, invece, riguarda un altro gruppo di autori, da Walker Evans a Luigi Ghirri, da Marcel Duchamp a Nan Goldin, totalmente distesi nel loro mondo attuale. La loro tuttavia non è una rigida stasi, bensì una mobilità costante e irresistibile dentro a un ventaglio di possibilità e di attraversamenti che desiderano ricercare nuovi modi di percezione e comprensione del tempo vissuto. La terza fase presenta autori che in qualche modo arrivano ma soltanto per ripartire da capo: essi, in breve, tornano a ripetere, rivedere, ripensare la memoria e l'esperienza che i loro predecessori, antichi e moderni, hanno faticosamente accumulato, senza però concedersi il tempo necessario per riflettere.   

 

Concorso fotografico

Category: Mostre archivio
Creato il Mercoledì, 12 Novembre 2014 00:02

giovani14 concorso fotograficoDal 1 Ottobre al 30 Novembre 2014, la Fondazione Bergamo nella Storia propone un concorso fotografico dedicato ai giovani. Il tema degli scatti sarà la guerra in tutte le sue declinazioni e chiavi di lettura. I vincitori parteciperanno gratuitamente a un workshop fotografico professionale.

Il concorso è una delle azioni previste per l'iniziativa "Giovani 14"

 

La Prima guerra mondiale non fu il primo conflitto documentato attraverso la fotografia, ma solo in quegli anni il racconto fotografico esprime a pieno tutte le sue potenzialità. Abbiamo le fotografie ufficiali, ma anche migliaia di immagini scattate dai combattenti con le prime macchine fotografiche portatili, affidabili e di costo contenuto. 

 

Muovendo da questa premessa, in occasione dell’anniversario della Grande Guerra, la Fondazione Bergamo nella storia propone il concorso “Giovani14”, invitando tutte le ragazze e i ragazzi fra i 18 e i 30 anni a proporre le proprie interpretazioni della guerra. L’obiettivo del progetto è quello di premiare gli scatti che meglio riusciranno a trasmettere una visione originale e creativa del tema.

Si possono inviare un massimo di 3 fotografie, conformi alle direttive del regolamento, agli indirizzi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La giuria ne selezionerà 10 basandosi su parametri di originalità, creatività, aderenza al tema e qualità della fotografia.

 

I vincitori vedranno i propri scatti esposti all'interno di una mostra collettiva presso il Convento di San Francesco nel 2014 e presso gli spazi espositivi del Polaresco a inizio 2015pubblicati sulla rivista Nuova Secondaria e sui siti www.bergamoestoria.it e www.museiperlastoria.com, e avranno la possibilità di partecipare gratuitamente a un workshop fotografico professionale tenuto da Giovanni Diffidenti, da effettuarsi a Bergamo fra la fine dell’anno 2014 e l’inizio del 2015.

 

Per informazioni: 

Tel: 035 247116 / 035 226332 

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vittore Fossati

Category: Seminari archivio
Creato il Martedì, 22 Aprile 2014 10:21

Vittore FossatiIncontro con Vittore Fossati


Martedì 13 maggio 2014 

Corso di Fotografia (aperto a tutti)   


Prof.  Luca Andreoni e Linda Fregni 

Vittore Fossati è nato ad Alessandria, dove risiede, nel 1954. Ha partecipato alle mostre collettive ideate da Luigi Ghirri Iconicittà (Ferrara, 1979), Penisola (Graz, 1983), Viaggio in Italia (Bari, 1984) ed Esplorazioni sulla via Emilia. Vedute nel paesaggio (Reggio Emilia, 1986). Ha svolto ricerche fotografiche su incarico di istituzioni ed enti pubblici fra i quali la Provincia di Milano (Archivio dello spazio), l’Associazione Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea, il progetto Osserva.Te.R. della Regione Lombardia, la DARC, il Politecnico di Bari, l’Istituto Nazionale di Geofisica, l’Unesco contribuendo all’illustrazione di numerosi volumi. Con Maurizio Magri ha realizzato nel 2004 il video documentario Viaggio in Italia. I fotografi vent’anni dopo commissionato dal Museo di Fotografia Contemporanea.

Con lo scrittore Giorgio Messori ha composto il libro illustrato Viaggio in un paesaggio terrestre pubblicato nel 2007 e presentato, con l’omonima mostra, nella seconda edizione della “Settimana europea della fotografia” di Reggio Emilia.
Una selezione di fotografie da Belle arti, uno fra i suoi lavori più apprezzati, è stata esposta nella mostra Quattro (con O. Barbieri, G. Guidi e W. Niedermayr) tenutasi a Modena nel 2011 ed acquisite in collezione dalla Fondazione Fotografia di Modena. Tra le sue mostre recenti: TAV Bologna – Milano (MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, Roma 2013).

Marzia Migliora

Category: Seminari archivio
Creato il Giovedì, 10 Aprile 2014 08:45

MiglioraIncontro con Marzia Migliora

Nell’ambito del corso di Storia e metodologia della critica d’arte B, docente Francesca Comisso,

venerdì 11 aprile dalle ore 14 alle 15.30

Interverrà l’artista Marzia Migliora con la presentazione di una selezione di suoi progetti, tra i quali l’opera realizzata per il Museo del Novecento di Milano dal titolo Quelli che trascurano di rileggere si condannano a leggere sempre la stessa storia (2009-2011).

Antonio Rovaldi

Category: Seminari archivio
Creato il Martedì, 21 Gennaio 2014 08:13

Antonio RovaldiIncontro con Antonio Rovaldi

Martedì 28 gennaio 2014 
Corso di Fotografia (aperto a tutti)  
Prof.  Linda Fregni 

Biografia
Antonio Rovaldi è nato a Parma nel 1975. Ha studiato Arte e fotografia alla Naba di Milano dove si è diplomato nel 2000 al corso di scultura di Hidetoshi Nagasawa e a quello di fotografia di Mario Cresci. Da allora la sua ricerca si muove intorno a tematiche relative la percezione dei luoghi, del paesaggio, mettendo sempre in relazione i differenti media utilizzati, come la fotografia, il video, la scultura ed il disegno. La dimensione della distanza fra i luoghi, l'attraversamento fisico e mentale in essi, veri o immaginari essi siano, sono una costante nella ricerca dell’artista.
Da 2006 Rovaldi divide la sua città di adozione, Milano, con New York dove ha partecipato a diverse residenze d’artista e a mostre, ultima quella all’Hirshhorn Museum di Washington dc dal titolo ‘The opening day’.

Pier Francesco Frillici

Category: Seminari archivio
Creato il Martedì, 10 Dicembre 2013 11:35

frilliciSeminario di Storia della fotografia
tenuto da 

Pier Francesco Frillici 

nell'ambito degli insegnamenti di Fotografia
docenti Luca Andreoni e Linda Fregni Nagler

Date: martedì 4, 11 e 18 marzo 2014

Maggiori dettagli sui contenuti saranno dati in seguito