Informativa
Gentile Utente, questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Avvisi

Prev Next

Eventi e progetti

FramelessFRAMELESS / Senza cornice 

L’opera d’arte tra supporto, contesto e città 
convegno internazionale 
a cura di Claudio Musso e Fabiola Naldi 

MAMbo – Museo d’arte Moderna di Bologna | Sala Conferenze 
13 marzo 2017 h 14.00 - 18.00
14 marzo 2017 h 10.30 - 13.00 e h 14.00 - 18.00

Il convegno parte dall’attuale urgenza pratica e teorica di riflettere sull’evoluzione dell’idea di cornice sia come supporto dell’opera d’arte, sia come espansione simbolica nell’accezione di superficie , contesto, ambiente, limite e superamento dello stesso. La cultura visiva ha da sempre fatto i conti con il concetto di rappresentazione, il suo inquadramento in una finestra, e la sua inevitabile fuga dai confini. L’arte da sempre ha sperimentato varie possibilità di uscita e rientro nell’idea di cornice (fisica, concettuale o metaforica) e oggi questa condizione estetica è sempre più diffusa nella piattaforma tecnologica contemporanea: una continua alternanza tra la presenza e l’assenza di un quadro. L’arte nello spazio urbano può definirsi come pertinente oggetto d’indagine anche per la possibilità di integrare nel dibattito la differenza tra produzioni spontanee e creazioni commissionate da enti e istituzioni. 

Come cambia l’idea di cornice in base allo spazio in cui l’opera d’arte si inscrive? Quali sono le implicazioni interpretative nel caso in cui essa venga progettata per un luogo preciso o che vi sia collocata per ragioni altre? Gli interventi dei relatori invitati guideranno la riflessione presentando casi studio che possano evidenziare le contraddizioni della relazione tra opera e pubblico, della rapporto tra interno ed esterno dell’opera, oltre le frontiere della sua cornice, intesa come spazio vissuto e relazionale.

Download programma