Informativa
Gentile Utente, questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Avvisi

Prev Next

n.17/aa 16-17: INSEGNAMENTI MUTUATI DALL'UNIVERSIT... Read more

Eventi e progetti

NatureNature 

Museo di Scienze Naturali E.Caffi 

7 Marzo 2017 ore 11.30 inaugurazione 
Dal 8 Marzo al 12 Marzo 2017 ore 9.00/12.30 e 14.30/17.30 
Sabato 10.00/12.30 e 14.30/17.30 

I lavori in mostra sono il frutto dell’incontro tra il Museo di Scienze Naturali E.Caffi e il corso di disegno in Accademia di belle arti G.Carrara. Il Museo di Scienze Naturali è il luogo delle suggestioni, dove l’evidenza del rapporto tra il tempo, la conoscienza, la vita e la forma hanno la loro naturale collocazione, ma l’arte - che vive di questi stessi elementi - può portare in un luogo altro, dove trovano casa gli immaginari e le visioni di un altrove che non da risposte ma pone interrogativi. Il tema proposto verte sul rapporto tra uomo/animale, ragione/istinto e in queste dicotomie gli artisti hanno elaborato soluzioni che dimostrano una fertile capacità di confrontarsi con il luogo e il limite del disegno. L’esposizione comprende esercitazioni realizzate dal vero da soggetti presenti nel museo e una serie di lavori poeticamente e progettualmente più eterogenei

Espongono: Luca Bacis, Giovanni Bonetti, Irene Curti, Giulia Dal Monte, Filippo Fadini, Alessia Fiore, Alice Goisis, Giulia Maffioletti, Luca Rota, Daniela Tasca, Jan Tononi, Matteo Volonterio.
a cura di Francesco Pedrini

Museo di scienze naturali
piazza Cittadella 10, 24129 Bergamo

vaccariInaugurazione: 10 marzo 2017, ore 18.00 
Porta S.Agostino - Bergamo 
Franco Vaccari | Esposizione in tempo reale n.45 

​10 - 19.03.17​ 
Il video Buona Notte, raffigurante il fuoco di un camino mentre si consuma e crepita, è proiettato sovrapposto all’immagine del dipinto di Alessandro Magnasco, Lo scaldatoio della frateria, animando la composizione pittorica. Franco Vaccari ha invitato dieci artisti di Bergamo a creare dei giacigli davanti alla proiezione, dei rifugi in cui riposare e sognare, sviluppati secondo i rispettivi linguaggi e poetiche.
Gli artisti coinvolti sono D. Allieri, C. Benigni, F. Berta, DZT collective, O. Giaconia, D. Maffeis, A. Mastrovito, G. Oberti, F. Pedrini, M. Tassi.

11 marzo 2017, ore 16​.00​
Cinema S. Marco - Bergamo
Franco Vaccari | O​pere V​ideo

L'artista presenta una selezione delle sue opere video, ripercorrendo oltre quarant'anni di ricerca e sperimentazione che hanno contraddistinto la sua carriera. 
L'appuntamento sarà preceduto da un incontro con il pubblico. 

glis glisglis glis
Laura Baffi - Gaia Boni 

Inaugurazione: martedì 28 febbraio 2017 – ore 18.00 
Apertura: 2 - 18 marzo 2017
Da giovedì a sabato 16:00-18:30
c/o Giacomo, Via G. Quarenghi, 48 c/d, Bergamo

L’Accademia di belle arti G. Carrara è lieta di presentare glis glis, progetto espositivo di Laura Baffi e Gaia Boni, studentesse iscritte al secondo anno del corso di Pittura – Arti visive. glis glis è il primo dei progetti ospitati negli spazi di Giacomo che sono stati selezionati tramite bando rivolto a studenti e diplomati dell’Accademia.

glis glis è un racconto che narra la vicenda di un piccolo animale solitario svegliato dal letargo.

La mostra si presenta come una doppia personale, un incontro tra differenti metodologie di lavoro accomunate da un’analoga fascinazione per soggetti intimi e rivelatori.
La proposta narrativa di Laura Baffi vede come protagonista l'oggetto. Attraverso il medium fotografico il materiale di lavoro trovato in un laboratorio d’intarsio acquisisce nuovo valore: estraniato dal suo impiego, l’oggetto ambisce a divenire soggetto.
Durante l'inaugurazione si insinua e circola fra gli spettatori una piccola e segreta presenza scultorea. Una performance minima che gioca fra il visibile e l’invisibile, fra il mettersi in mostra e il nascondersi.
La ricerca di Gaia Boni si incentra sull’azione del ricordare e sugli elementi che la alimentano. L'opera è un sentiero, un ambiente, un luogo. La presenza naturale del muschio traccia nello spazio espositivo un corridoio di memorie. Un percorso di immagini ci porta a una piccola tana profumata con essenza d'abete, in cui l'artista invita a far propria l'intima esperienza del ricordo.

cresci autoritratto cover sito 0GAMeC presenta 
la prima grande antologica dedicata al lavoro fotografico di Mario Cresci 
MARIO CRESCI. LA FOTOGRAFIA DEL NO, 1964-2016 
Gamec - Bergamo 
10 febbraio - 17 aprile 2017
 
La mostra attraversa la produzione di Cresci (Chiavari, 1942), dalle prime sperimentazioni sulle geometrie alle indagini di carattere antropologico sulla cultura lucana della fine degli anni Sessanta, ai progetti dedicati alla ricerca della scrittura fotografica e all’equivocità della percezione, in un percorso espositivo articolato in dodici sezioni che offre una panoramica completa della poetica dell’artista, evidenziandone l’attualità della ricerca nel contesto delle tendenze artistiche contemporanee.
 
squareL'ARTE APRE PARENTESI
 
Mostra collettiva di SQUAREWORLD
 
Inaugurazione:
venerdì 27 gennaio 2017 - ore 19.00
Square, via Passo del Vivione 4, Bergamo
 
dal 27 gennaio al 1 febbraio 2017
 

 

INVITO 26 GENNAIOGiovedì 26 gennaio 2017 
ore 17.30 
C/o Accademia di belle arti G. Carrara 

Nell’ambito del ciclo di incontri
Immagini della Riforma

Iconoclastia e iconofilia
Radici antiche e problemi contemporanei

Dialogano
Andrea Pinotti, Università degli Studi di Milano
Maria Bettetini, IULM, Milano

Modera
Michele Bertolini, Accademia di belle arti G. Carrara

Download Abstrac incontro

www.riforma500bg.it

dopolalodedopolalode 

Mostra dei progetti di tesi degli studenti diplomati: Viola Acciaretti, Marco Bellebono, Barbara Boiocchi, Sara Carraro, Francesco Crovetto, Dario Frettoli, Marco Manzoni, Marica Martella, Lorenzo Misia, Federica Mutti, Veronica Suardi, Sara Ravelli, Andrea Toscano.

Inaugurazione: giovedì 19 gennaio 2017 – ore 18.00
Apertura: 20 gennaio -11 febbraio 2017
Da giovedì a sabato 16:00-18:30
c/o Giacomo, Via G. Quarenghi, 48 c/d, Bergamo

In occasione dell’opening sarà presentato Elastica live performance di Meeduse, Amarcord e Sleazy Kid negli spazi sotterranei di Giacomo (via G. Quarenghi, 33)

mangiatoriMangiatori di Loto
Espongono Francesco Crovetto e Marco Manzoni
A cura di Daniele Maffeis.

Inaugurazione: venerdì 11 novembre ore 18.30
Performance h 18:30-19:00

Apertura dal 14 al 18 novembre
lun - ven 15:00 - 18:00

SPAZIO POLARESCO
via del Polaresco 15 - 24129 Bergamo


Inaugura l’11 novembre Mangiatori di Loto, la terza mostra di POLAREXPO 2016, ciclo di esposizioni organizzato dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Bergamo e rivolto a giovani artisti che risiedono o studiano in Bergamo o provincia.

Francesco Crovetto e Marco Manzoni espongono una serie di progetti inediti nati da un lungo e produttivo confronto reciproco.

La mostra prende il nome dalla storia raccontata nell’Odissea (libro IX), secondo la quale i compagni di Ulisse mangiavano fiori di loto. Secondo al­cuni si trattava di oppio, secondo altri di una variante mediorientale del giuggiolo, in ogni caso non ci sono ambiguità sulle conseguenze del pasto: perdita della me­moria e generale lassismo. Mangiare il loto accelera dunque la naturale traietto­ria che porta ogni coscienza al suo inevi­tabile stato finale: amnesia, apatia e infine disgregazione. Per preservare la propria struttura e organizzazione interna, qual­siasi organismo è costretto ad esercitarsi in un processo ad entropia crescente, uno sforzo che è globalmente inefficace poi­ché per assicurare un qualche grado di co­erenza interna, aumenta indefinitamente il disordine esterno.

Dowmload CS

Informazioni Spazio Polaresco:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | tel 035-399674 

agustin sanchez arcano 22Arcano #22 rivelazioni 
La realtà aumentata in Carrara 

Sabato 15 ottobre 2016
Dalle ore 17.00 alle ore 18.30 circa
Ingresso gratuito al museo per la giornata AMACI a partire dalle ore 17.00

Il progetto resterà visibile in museo fino a lunedì 31 ottobre

In occasione della Giornata del Contemporaneo 2016, promossa da AMACI, Accademia Carrara presenta Arcano #22 rivelazioni. La realtà aumentata in Carrara, progetto realizzato dagli allievi del Corso di Informatica generale dell’Accademia di Belle Arti di Bergamo e coordinati dal professor Augustin Sanchez.

Contenuti multimediali prendono vita grazie all’utilizzo del cellulare “rivelando” 38 storie in grado di esprimere con una visione contemporanea il significato degli arcani maggiori.

Le 38 “rivelazioni” di Arcano #22 potranno essere visualizzate con l’impiego di tecnologie della realtà aumentata. I visitatori scopriranno le rivelazioni nascoste, puntando la fotocamera del dispositivo del loro smartphone sull’immagine del tarocco, della quale si intende consultare il contenuto. 

Le rivelazioni, associate ai tarocchi, sono fruibili seguendo il canale CarraraBG tramite il browser di realtà aumentata AURASMA (app disponibile gratuitamente per dispositivi mobili Android e iOS Apple).