Informativa
Gentile Utente, questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Avvisi

Prev Next

n. 56 / a.a. 16-17: LEZIONE DI STORIA E METODOLOGI... Read more

n. 55 a.a. 2016/17: LINGUAGGI E TECNICHE DELL'AUDI... Read more

n. 54 a.a. 2016/17: LEZIONI DI TEORIA DELLA PERCEZ... Read more

n.17/aa 16-17: INSEGNAMENTI MUTUATI DALL'UNIVERSIT... Read more

Premiata Ditta Linea (in) finitaIncontro con Premiata Ditta avanti e indietro nel futuro. Prima e oltre UnDo.Net

Martedì, 11 aprile 2017, ore 15-17 
Accademia di Belle Arti Belle Arti G. Carrara di Bergamo 
Nell’ambito del Corso di Storia e metodologia della Critica d'Arte B, docente Francesca Comisso
Incontro aperto a tutti

Una conferenza performativa di Premiata Ditta (Anna Stuart Tovini e Vincenzo Chiarandà), ideata appositamente per l'incontro di martedì 11 aprile all'Accademia Carrara di Belle Arti,  propone un'inedita lettura dell'arte degli ultimi trent'anni, tra scena nazionale e internazionale, intorno ad alcuni temi chiave quali la complessità, la relazione, l'interazione e la partecipazione. 

Un leggio, delle immagini e un racconto con il quale Premiata Ditta mette in gioco la pluralità di voci e contributi che caratterizza i suoi progetti, condensata nei nomi che scorrono nel lungo rotolo di Linea (in)finita e rispecchiata in una posizione che ha scelto da subito la mobilità dei ruoli alla dimensione cristallizzata e normativa della professione: “non siamo editori, non siamo web agency, non siamo giornalisti, non siamo artisti riconoscibili – spiega Vincenzo Chiarandà - e questa dimensione di 'non essere' è quella che ci permette costantemente di ridefinire uno spazio d’azione”.

 Nata nel 1984 e presto emersa tra le ricerche italiane più significative in dialogo con esperienze europee e internazionali, Premiata Ditta ha interrogato le questioni dell'autorialità e dell'individualità, evocando, per sovvertirla, la logica aziendale della produzione e del profitto che proprio in quel decennio si apriva ai nuovi scenari del postfordismo. Nel 1995 Premiata Ditta dà vita a UnDo.net, un network in rete che fino al 2015 ha quotidianamente raggiunto con la sua Pressrelease oltre quarantacinquemila persone. Opera d'arte che in venti anni di attività ha coinvolto centinaia di altri autori, dando vita a un modello partecipativo e indipendente di creazione di valore immateriale che continua ad essere accessibile a chiunque come archivio in progress, UnDo.net è nato dal desiderio di “creare una piattaforma collettiva in cui fosse possibile praticare nuovi modi di fare e fruire l'arte, condividere ricerche, risorse e conoscenze attraverso la collaborazione e lo scambio”, sperimentando le potenzialità della rete con tecnologie opensource nate a loro volta da progetti collaborativi come Linux, Apache, MySQL, Perl. 

Negli ultimi tre anni Premiata Ditta ha avviato un nuovo dispositivo progettuale, Studi Festival, un'iniziativa condotta con Claudio Corfone e Rebecca Moccia, che coinvolge e coordina decine di autori nella creazione di mostre ed eventi negli studi d'artista, in spazi non profit e in luoghi speciali di Milano.